Eventi recenti


D Calendar Module


Liturgia del giorno

copyright © 2018 Giovani della Chiesa di Chieti - Vasto. All rights reserved

Pellegrinaggio eremo santo spirito Stampa
Scritto da Administrator   
Giovedì 24 Maggio 2018 15:22

 

Modulo iscrizione  

 
Lettera ai giovani Stampa
Scritto da Administrator   
Martedì 20 Febbraio 2018 11:44

LETTERA AI GIOVANI 

Bruno Forte Arcivescovo di Chieti-Vasto

Quaresima - Pasqua 2018


dsc_0029

Miei carissimi Giovani, sono il vostro vescovo, il padre e il fratello che Dio ha scelto come guida della nostra Chiesa diocesana in quest’epoca così ricca di sfide e di attese, che ci è dato di vivere. Vi scrivo perché siete al centro dell’attenzione del mio cuore, specialmente in questo tempo in cui su invito di Papa Francesco tutta la Chiesa riflette su di voi, con voi e per voi, preparandosi al prossimo Sinodo dei Vescovi a voi dedicato. Non vi scrivo per dirvi che cosa dovete fare, ma per invitarvi a sognare, certo che - se saprete sognare a occhi aperti - la vostra vita potrà diventare un po’ alla volta quello che di più bello sognate. È quello che è successo anche a me da quando ho incontrato Gesù ed ho scoperto la mia vocazione: è anche per questo che ve ne parlo! Il sogno che intendo non è fuga dalla realtà o presunzione di realizzare l’impossibile: è, invece, la sfida a volare alto, a vedere l’invisibile e ad amare con l’amore che viene da Dio, quell’amore che ci invita a fare della nostra vita la realizzazione del Suo progetto per ognuno di noi, spendendola con gioia al servizio Suo e degli altri. Dom Helder Camara - un vescovo brasiliano vissuto alcuni anni fa, vero testimone di Gesù, amico e servitore dei poveri - amava ripetere: “Beati quelli che sognano: porteranno speranza a molti cuori e correranno il dolce rischio di vedere il loro sogno realizzato”. E un altro grande pastore dell’epoca stupenda del Concilio Vaticano II, il Cardinale belga Leo J. Suenens, affermava: “Beati quelli che sognano e sono pronti a pagare il prezzo più alto perché il loro sogno prenda corpo nella vita degli uomini”.

Leggi tutto...
 
i giovani e la bellezza di Dio Stampa
Scritto da Administrator   
Martedì 20 Febbraio 2018 11:27

I GIOVANI E LA BELLEZZA DI DIO

MESSAGGIO PER LA QUARESIMA 2018

Mons. Bruno Forte Arcivescovo di Chieti-Vasto

 

1. Perché i giovani al centro dell’attenzione e del cuore? Dopo le due Assemblee del Sinodo dei Vescovi dedicate alla famiglia, Papa Francesco ha indetto un Sinodo su “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”, che si terrà a Roma nel prossimo ottobre. La scelta del tema è in continuità con la riflessione sulla famiglia: scuola di umanità dove la persona cresce e impara a relazionarsi agli altri, al mondo e a Dio, la famiglia è anche il grembo vitale in cui i giovani si preparano alla vita. Si può dire che essi tanto più maturano in consapevolezza e libertà, quanto più si sentono accolti e accompagnati dalla loro famiglia, aiutati dai loro cari a discernere la loro strada e ad integrarsi nella società civile e nella comunità cristiana. D’altra parte, i giovani procurano alle loro famiglie motivazione, slancio, affetto e quelle preoccupazioni che l’amore vero non può né deve mai evitare. Non solo oggetto di attenzione e di cure, i giovani sono soggetto di amore, fonte di speranza e di consolazione per chi li ama, anche quando con le loro attese o le loro intemperanze sfidano la capacità di amarli di chi ha dato e dà loro ogni giorno tenerezza, vicinanza e sostegno. Sui giovani, sulla loro crescita, sul loro diventare capaci di impegno attivo, serio, perseverante nei diversi ambiti dell’esistenza, si gioca il futuro dell’umanità, e perciò anche il futuro della comunità cristiana, chiamata a essere fermento e sorgente di vita e di speranza della famiglia umana. Perciò, mettere i giovani al centro della nostra attenzione e del nostro cuore vuol dire non solo amarli e dare loro fiducia, ma anche acconsentire a che essi ci sfidino, provocandoci a diventare migliori, più generosi e aperti al futuro, più affidati alla fedeltà e alla inesauribile provvidenza del Dio eternamente giovane. È l’impegno che propongo a noi tutti per questa Quaresima 2018.

Leggi tutto...
 
questionario sinodo giovani Stampa
Scritto da Administrator   
Domenica 03 Settembre 2017 15:32

LA CHIESA DESIDERA METTERSI IN ACOLTO

DELLA TUA VOCE 

Carissimo giovane, in vista del Sinodo dei vescovi 2018 dedicato al mondo dei giovani e avente come titolo "I giovani, la fede e il discernimento vocazionale", la Segreteria Generale del Sinodo ha deciso di mettersi in acolto dei giovani aprendo un can

ale online per promuovere una più ampia partecipazione soprattutto dei giovani. Nel sito raggiungibile all’indirizzo http://youth.synod2018.va  i giovani dai 16 ai 29 anni sono invitati a compilare un questionario, proposto in 5 lingue, per raccogliere il punto di vista dei giovani e riflettere sulle proposte fatte dalla Chiesa per loro.

Andando sul link sottostante è possibile quindi accedere direttamente alla pagina dove si può trovare le sezione dedicata al questionario. Invitiamo caldamente tutti i giovani a dare il loro contributo alla riflessione, sapendo che ogni singolo contributo è un aiuto prezioso alla preparazione del Sinodo e a migliorare la proposta pastorale rivolta al mondo dei giovani.

 

http://youth.synod2018.va/content/synod2018/it.html

 
Lettera del Papa ai giovani Stampa
Scritto da Administrator   
Martedì 17 Gennaio 2017 15:12

Lettera del Papa ai giovani
in occasione della presentazione del Documento Preparatorio
della XV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi

Carissimi giovani,

sono lieto di annunciarvi che nell’ottobre 2018 si celebrerà il Sinodo dei Vescovi sul tema «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale». Ho voluto che foste voi al centro dell’attenzione perché vi porto nel cuore. Proprio oggi viene presentato il Documento Preparatorio, che affido anche a voi come “bussola” lungo questo cammino.

Mi vengono in mente le parole che Dio rivolse ad Abramo: «Vattene dalla tua terra, dalla tua parentela e dalla casa di tuo padre, verso la terra che io ti indicherò» (Gen 12,1). Queste parole sono oggi indirizzate anche a voi: sono parole di un Padre che vi invita a “uscire” per lanciarvi verso un futuro non conosciuto ma portatore di sicure realizzazioni, incontro al quale Egli stesso vi accompagna. Vi invito ad ascoltare la voce di Dio che risuona nei vostri cuori attraverso il soffio dello Spirito Santo.

Quando Dio disse ad Abramo «Vattene», che cosa voleva dirgli? Non certamente di fuggire dai suoi o dal mondo. Il suo fu un forte invito, una vocazione, affinché lasciasse tutto e andasse verso una terra nuova. Qual è per noi oggi questa terra nuova, se non una società più giusta e fraterna che voi desiderate profondamente e che volete costruire fino alle periferie del mondo?

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2